il mio cavallo tira indietro

Come possiamo risolvere questo problema per sempre!

“Cosa posso fare se il mio cavallo tira indietro mentre è legato? Questa è una delle domande più comuni che mi vengono poste e la gente di solito è alla disperata ricerca di una soluzione a questo grande problema.

Molti cavalli, soprattutto quelli giovani e sensibili, hanno questo comportamento pericoloso e distruttivo non appena vengono legati. Alcuni lo fanno fin dall’inizio non appena sono legati, altri dopo venti minuti, ma la maggior parte si tira indietro solo quando sono spaventati da un rumore o da un movimento. Si tratta di un comportamento pericoloso che può ferire sia il cavallo che le persone; i cavalli scivolando a terra o addirittura cadendo, e le persone che si infilano sotto il cavallo o si feriscono con le dita sulla corda.

Molte persone sono alla ricerca di una soluzione con ausili tecnici per evitare questo problema. Per esempio, usano un forte elastico per legare il cavallo, che può espandersi, o una corda con un cosiddetto “gancio antipanico”, o un sottile filo di fieno che si rompe immediatamente quando il cavallo dovrebbe tirarsi indietro. A mio parere, però, queste non sono soluzioni permanenti e vorrei presentare qui una tecnica con la quale ho già aiutato molti cavalli a superare la loro paura di essere legati.

“Molti cavalli, soprattutto quelli giovani e sensibili, tirano indietro quando sono legati, un comportamento pericoloso e distruttivo per il cavallo e per l’uomo!

Perché i cavalli tirano indietro? Guardiamo il mondo dal loro punto di vista

Prima di tutto dobbiamo chiederci perché il cavallo tira indietro. I cavalli sono animali da fuga per natura e hanno sviluppato una grande sensibilità per i luoghi pericolosi, le cose strane e soprattutto per i predatori. Il loro primo istinto è la fuga. Non appena si sentono intrappolati e non possono più scappare, combattono con tutte le loro forze contro la pressione che li tiene intrappolati e cercano così di liberarsi, questo è il loro naturale istinto di sopravvivenza. Qui, in questo caso, è la pressione della capezza e della corda.

Cosa succede prima che il cavallo tiri indietro? Un cavallo esperto di solito sta tranquillo nel suo punto dov’è legato; se sente un rumore o vede uno strano movimento, semplicemente muove i piedi, si gira un po’ e vede cosa sta succedendo. Tuttavia, questa situazione cambia drasticamente non appena abbiamo un cavallo che tira indietro; i suoi sensi sono sempre un po’ all’erta e non appena vede o sente qualcosa, muove i piedi ma sente che non può andarsene. In quel momento sente la pressione della capezza nella nuca.

Per liberarsi da questa pressione premerà contro di essa, questo è un istinto naturale dei cavalli. Ma questo non fa altro che aumentare la pressione e ora si fa prendere dal panico e teme per la sua vita. Questa sensazione è paragonabile a quella che prova una zebra quando viene attaccata e afferrata da un leone. I cavalli non pensano in questi momenti, reagiscono soltanto.

“I cavalli sono animali da fuga e il loro istinto più forte è quello di scappare. Una volta intrappolati e fuggire non è più un’opzione, cercano di liberarsi con tutte le loro forze”.

Non c'è tempo per pensare o esitare

Sono reazioni dell’emisfero destro del cervello, dove vivono gli istinti, naturalmente programmati per la sopravvivenza. Gli animali in fuga hanno un tempo di reazione estremamente breve, non c’è tempo per pensare o esitare, prima reagiscono e poi pensano; questo è l’unico modo per sopravvivere agli attacchi dei predatori.

Nonostante migliaia di anni di allevamento e selezione da parte di noi umani, questo istinto di sopravvivenza si è conservato nei cavalli, in alcuni di più, in altri meno. Come possiamo insegnare ai nostri cavalli a non reagire come animali da fuga, ma a comportarsi come partner?

Con i concetti di comunicazione naturale del programma AsvaNara, possiamo insegnare ai cavalli a stare calmi e rilassati, a diventare più coraggiosi, a pensare e a ragionare anche in situazioni difficili, e a non scappare nel panico come animali da fuga da ogni pericolo percepito.

I cavalli possono imparare a usare di più il loro cervello sinistro, il lato collaborativo. Quando inizieremo a comunicare con il nostro cavallo in modo naturale, esso trasformerà i suoi istinti naturali in comportamenti costruttivi.

Il suo bisogno di sicurezza e di protezione, il suo istinto di essere sempre attento, si trasformeranno in attenzione verso di noi. La sua reazione di fuga si trasformerà in un buon impulso e gioia di movimento e il suo istinto di branco in amicizia verso di noi.

Questo non significa che perderà i suoi istinti naturali, lo confermano i cavalli del nostro branco; perché d’inverno, quando non hanno quasi nessun contatto con le persone, assomigliano più a una mandria di mustang che ai “beneducati” cavalli di scuola dell’accademia.

Non solo combattere i sintomi, ma trovare la causa

Per risolvere il problema del “tirare indietro”, iniziamo con la desensibilizzazione del cavallo.

Per fare questo, usiamo il Carrot Stick con un sacchetto di plastica alla fine; con movimenti calmi e attenti all’inizio, “accarezziamo” il cavallo con il sacchetto, e poi muoviamo il bastone intorno al cavallo con movimenti rotondi e ritmici.

Questo concetto di desensibilizzazione è molto utile ed efficace, ma due cose sono importanti; in primo luogo, il movimento deve essere rotondo e ritmico, avvicinandosi e allontanandosi, aumentando di intensità. In secondo luogo, non fermarti quando il cavallo ha paura, ma solo quando il cavallo si abitua e si calma.

In questo modo premiamo il cervello sinistro collaborativo. Se mi fermo nel momento sbagliato, quando il cavallo è in movimento ed eccitato, incoraggio il suo istintivo cervello destro.

accarezzare con movimenti tranquilli
anche in punti sensibili come dietro le orecchie
fruscio con movimento ritmico

Seguire la pressione della capezza

Il cavallo deve seguire la pressione e la sensazione e non trattenersi contro di essa

La nuca è una zona molto sensibile per il cavallo, è il punto in cui il leone afferra quando strappa la zebra, ed è lo stesso punto in cui la capezza esercita la pressione. Il cavallo deve imparare a rispondere a questa pressione e a seguire la sensazione della capezza dietro le orecchie invece di premere contro di essa come sarebbe il suo istinto.

Possiamo insegnare al cavallo esattamente questo, tirando giù la corda; prima con una pressione leggera e costante, il cavallo dovrebbe seguire questa sensazione e non premere contro di essa. Per insegnargli a trovare conforto, si inizia con una leggera pressione, la mano chiude lentamente dito per dito, la pressione diventa sempre più forte fino a quando il cavallo cede e abbassa la testa, all’inizio solo pochi millimetri.

In questo momento è importante aprire subito la mano e togliere la pressione, questo è difficile per la maggior parte delle persone, perché le dita dei predatori si chiudono rapidamente e si aprono solo quando la preda è uccisa… e noi siamo predatori nel nostro DNA.

Appena il cavallo abbassa la testa, lo lasciamo andare immediatamente e poi ricominciamo con poca pressione. Ripetiamo questo esercizio fino a quando il cavallo non si adegua rapidamente e facilmente alla pressione. Poi facciamo lo stesso movimento, abbassando la testa del cavallo a terra, ma questa volta con una pressione delle dita dietro le orecchie.

È lo stesso esercizio di prima, ma questa volta applichiamo la pressione con la punta delle dita, sempre dietro le orecchie, nella nuca dove si trova la capezza. Abbiamo bisogno di una pressione lenta e costante che aumenti di intensità fino a quando il cavallo non abbassa la testa.

Anche in questo caso ci lasciamo andare non appena il cavallo ha risposto correttamente e abbassa la testa. Questi esercizi possono richiedere qualche minuto, mezz’ora o anche qualche ripetizione in giorni diversi, ma vale la pena investire questo tempo. In questo modo il cavallo impara ad affrontare la pressione e a trovare conforto invece di appoggiarsi ad essa e di ritirarsi.

seguire la pressione della capezza
fino a quando il naso non tocca terra
in seguito con la pressione delle dita
dietro le orecchie

Stiamo legando il cavallo ora, ma...

Con questi preparativi il cavallo reagirà già in modo diverso alla pressione, ai movimenti e ai suoni. È pronto per il prossimo passo e gli chiederemo ora di reagire alle pressioni in questo modo e di comportarsi come un partner, anche se è legato.

Prima di tutto dobbiamo trovare il posto giusto per legarlo, per esempio una solida barra di legatura. Quello che vogliamo assolutamente evitare è che il cavallo scappi spaventato dalla cosa a cui è stato legato, mettendo se stesso e noi in pericolo.

Una solida barra di legno o, meglio ancora, di metallo è la migliore, idealmente se la traversa è rotonda. Questo ci aiuterà ad insegnare al cavallo ad essere legato senza problemi. Ciò che non funziona per questo esercizio sono gli attacchi al muro.

Ora avvolgo due volte la corda di 7 metri attorno alla barra di legatura e mi metto sul lato opposto del cavallo. In questo momento è importante non legare il cavallo con un nodo, ma avvolgere la corda solo intorno la stanga in modo che possa scivolare non appena il cavallo tira indietro.
Poi comincio a far oscillare fortemente il Carrot Stick con il sacchetto di plastica su e giù davanti al cavallo. Imito così un suono e un movimento che spaventerà il cavallo e, essendo “legato”, molto probabilmente tirerà indietro.

“I cavalli imparano in fretta quando hanno la capacità di pensare, ragionare e decidere”.

Il tempismo è importante, solo così il cavallo può imparare

In questo momento il nostro tempismo è estremamente importante; il concetto non è quello di smettere di scuotere la busta mentre il cavallo sta tirando indietro, ma di fermarsi immediatamente e premiare il cavallo non appena smette di tirare e fa un passo avanti.

Questo significa premiare il cavallo con il conforto non appena ha preso la decisione giusta, cioè accettare la pressione invece di combatterla. Il cavallo impara che il “pericolo” percepito non se ne va finché tira la capezza, ma solo quando pensa e si comporta come un partner, non come un animale da fuga.

Il segreto è lasciare che la lunga corda trascini un po’ la barra quando il cavallo si tira indietro. Sente ancora la pressione della capezza nella nuca, ma può ancora allontanarsi dal pericolo.

In questo modo non si trova in una situazione di “nuoto o annegamento” e non si perde completamente nel suo emisfero destro del cervello perché deve lottare per la sopravvivenza, ma può comunque pensare e trovare la soluzione giusta per questo problema, cioè seguire la pressione e fare un passo avanti.

Il cavallo si sente intrappolato

Quando un cavallo è legato, può facilmente accadere che creda di essere intrappolato. Il suo primo istinto in questo momento è quello di fuggire… all’inizio avvolgiamo la corda due volte intorno al palo e ci mettiamo sul lato opposto della barra di legatura.

il cavallo non è legato con un nodo
io sono dalla parte opposta
muovo il sacchetto di plastica, il cavallo si spaventa e comincia a tirare indietro
continuo a muovere la borsa, anche quando il cavallo tira indietro, non mi fermo
non appena il cavallo fa un passo avanti, fermo il movimento con il sacchetto di plastica
il cavallo ha capito, i suoi muscoli sono rilassati e non tira più indietro

Ci vuole tempo e pazienza

Ripetiamo questo esercizio un paio di volte, possibilmente nell’arco di qualche giorno, fino ad ottenere finalmente una risposta positiva dal cavallo. In questo modo, anche se il cavallo è spaventato da un rumore o da un movimento nel futuro, non tirerà indietro quando sentirà la pressione della capezza nel collo, ma farà un passo in avanti per cedere alla pressione.

Il problema di tirare indietro può essere più o meno pronunciato a seconda del cavallo. A volte i cavalli reagiscono istintivamente con molta forza e violenza, il che non è privo di pericoli, sia per il cavallo che per noi.

È quindi molto importante essere molto presenti, attenti e cauti in questo lavoro. Se abbiamo dubbi o non siamo sicuri di farlo bene, è consigliabile rivolgersi a un professionista esperto per questo tipo di lavoro.

Il tirare indietro, così come altri problemi comportamentali simili, possono essere risolti abbastanza facilmente una volta che iniziamo a stabilire un rapporto con il cavallo, gli insegniamo a usare il suo cervello sinistro e quando diventiamo un buon leader alfa per lui. Come sempre, vale la pena di essere calmi e pazienti con il cavallo.

“È facile … quando lo fai in modo naturale”.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e che tu abbia trovato molti consigli e suggerimenti utili. Sentiti libero di lasciare il tuo commento qui sotto.

Se hai domande su questo argomento, contattami e ti risponderò nel forum.

Ti auguro tanto successo, divertimento e gioia con il tuo cavallo … e ricorda, non è mai durato più di due giorni.

Con i più cordiali saluti, Edwin