il mio cavallo ha paura del trailer

La soluzione sarebbe così semplice!

Però una delle maggiori difficoltà per i proprietari di cavalli è quella di caricare i loro cavalli nel rimorchio quando sono spaventati. In questo articolo vorrei condividere la mia esperienza, accumulata in molti anni di lavoro con cavalli difficili, e descrivere come ho risolto questo problema grazie ai concetti e ai principi di AsvaNara.

In passato ho visto molte scene spiacevoli e violente quando la gente cercava di caricare i cavalli nel trailer. Anche io, prima di conoscere Natural HorseManShip, ho avuto grossi problemi con uno dei miei cavalli. Ogni volta che ho dovuto trasportarlo da qualche parte, ho avuto pensieri agonizzanti giorni prima e la notte prima ho dormito male, a volte con incubi, cosa poteva andare storto la mattina dopo.

Per quanto ho potuto osservare, ci sono due approcci diversi quando si tratta di caricare nel trailer: il metodo della carota e il metodo della frusta. All’inizio si cerca di persuadere il cavallo e magari anche di attirarlo con del cibo nel trailer, cercando di convincerlo che lì dentro non è pericoloso.

Ma se questo non funziona, la procedura cambia dopo poco tempo; o ci si arrende e si resta a casa, o si provano emozioni e ci si arrabbia e si cerca di caricare il cavallo sul rimorchio con forza e violenza. Ho usato spesso la parola “uomo” in questo paragrafo, ovviamente intenzionalmente, perché è mia osservazione che gli uomini hanno più probabilità di usare il metodo della frusta rispetto alle donne.

In questo momento possono succedere due cose: il cavallo si spaventa e salta nel rimorchio o non fa niente e dopo ore di sudore e frustrazione si resta comunque a casa. Nessuno di questi metodi è veramente efficace, con il metodo della carota è difficile ottenere risultati e con il metodo della frusta distruggiamo il nostro rapporto con il cavallo.

“Molti cavalli hanno paura di entrare in un trailer perché gli spazi stretti e chiusi per natura sono un pericolo per loro, da cui è difficile scappare”.

Gli errori più frequenti

Ci sono quattro motivi per cui le persone non possono caricare i loro cavalli nel trailer

1. sono già in ritardo, il trasportatore è già in attesa, hanno fretta e non hanno fatto i preparativi per poter caricare il loro cavallo senza problemi.

2. si va al rimorchio e si sa che non funzionerà. Sono mentalmente ansiosi ed emotivamente nervosi. Sono spaventati e si aspettano il peggio.

3. quando il cavallo cerca di entrare nel trailer e mette un piede sulla rampa, iniziano immediatamente a tirare e spingere per caricare il cavallo prima che cambi idea. Un mito dell’equitazione è “non lasciare mai che il cavallo vada all’indietro quando è sulla rampa”.

4. infine, quando il cavallo è caricato, chiudono immediatamente la rampa e partono. In questo momento il cavallo sa di essere intrappolato e non potrà essere caricato la prossima volta.

“Però, se vogliamo caricare il cavallo in modo naturale, senza esitazioni e senza problemi, dobbiamo fare esattamente il contrario!”

1. prendersi il tempo necessario per preparare il cavallo, anche senza impiccagione. Sviluppiamo prima un rapporto sul terreno e rendiamo il cavallo più coraggioso prima ancora di avvicinarci al trailer. Prima di trasportare il cavallo, lo insegniamo ad andare nel rimorchio in modo naturale. La parola chiave qui è “insegnare” invece di “forza”. Prendiamoci due o tre giorni per questo lavoro, perché è un investimento nel futuro del nostro cavallo. Una volta che il cavallo ha imparato a non aver paura del trailer, il caricamento richiede solo pochi secondi.

2. quando il cavallo cerca di entrare nel rimorchio, non ci lasciamo sopraffare dalla fretta o dall’emotività. Il controllo delle nostre emozioni è fondamentale e cruciale. I cavalli hanno un senso immediato quando siamo nervosi, arrabbiati o ansiosi, e questo non fa che peggiorare le cose.

3. lasciamo che il cavallo esplori il rimorchio pezzo per pezzo. Nel nostro approccio, incoraggiamo il cavallo ad andare nel trailer solo fino a dove può andare e lo lasciamo uscire quando vuole. Questo entrare e uscire è un fattore importante per un animale da fuga e guadagna ogni volta un po’ più di fiducia.

4. quando il cavallo è caricato, non chiudiamo immediatamente la rampa e ce ne andiamo, ma lasciamo che il cavallo scenda di nuovo. Questo è molto importante per il cavallo, soprattutto all’inizio, quando deve ancora abituarsi al rimorchio. Dovremmo vederlo come un gioco e non come un lavoro.

La buona preparazione da terra

Prima ancora di andare al trailer, è importante togliere al nostro cavallo la paura generale degli oggetti. Per questo motivo facciamo esercizi preparatori con diversi ostacoli e situazioni come camminare su un telone di plastica, su tronchi o su e tra barili di metallo. Solo quando il cavallo può avvicinarsi a tutti questi ostacoli con calma e tranquillità, è pronto ad affrontare il vero problema, il trailer …

Ostacoli di legno
sopra barili di metallo
una piccola strettoia
indietro tra barili
attraversare un telo
saltare un tronco

Dal punto di vista del cavallo

Capire il cavallo – molte persone non hanno ancora capito che i cavalli sono animali da fuga e che gli spazi stretti e chiusi, come il trailer, sono un pericolo per loro. Non capiscono che i cavalli hanno paura, ma pensano che i cavalli non vogliono, che sono testardi, riluttanti e stupidi. Ma prima dobbiamo capire che i cavalli nascono come animali da fuga, dobbiamo imparare la psicologia equina per sapere come pensano, come si sentono e perché fanno quello che fanno.

Solo così possiamo costruire il rapporto naturale e creare il forte legame necessario per superare momenti così difficili senza traumi. Per migliaia di anni i cavalli sono stati una parte importante della nostra cultura, sono stati allevati da noi e vivono quasi come animali domestici, eppure l’istinto di sopravvivenza del fuggitivo persiste ancora in ogni cavallo.

Non dobbiamo dimenticare che il cavallo è e rimane un animale da fuga, e quindi cercherà sempre di evitare situazioni che potrebbero metterlo in pericolo o impedirgli di scappare, come entrare nello stretto spazio del trailer.

Allo stesso tempo, però, i cavalli hanno l’incredibile capacità di abituarsi rapidamente a situazioni e cose e di imparare che gli oggetti e gli ostacoli non sono così pericolosi come pensavano all’inizio. I cavalli imparano molto velocemente e possono adattarsi in un tempo molto breve quando hanno l’opportunità di pensare, considerare e decidere.

“I cavalli imparano in fretta quando hanno la capacità di pensare, ragionare e decidere”.

Ben preparati è metà della vittoria

La chiave sta nella preparazione. Si dice che Abraham Lincoln abbia detto “se dovessi abbattere un albero, passerei la maggior parte della giornata ad affilare l’ascia”. Questo principio vale anche per il caricamento sul trailer. Possiamo preparare il cavallo a terra, all’inizio anche senza rimorchio.

In realtà, il primo passo è quello di abituarlo a molti ostacoli e strettoie diverse, come teloni di plastica a terra, pali e salti di legno, barili di metallo o tende di plastica che soffiano nel vento. Si tratta di scoprire come si comporta il cavallo e come è “costruito” la sua personalità. È curioso o ansioso, è un temerario, sfacciato e cattivo, o è timido e riservato, o forse solo pigro?

La nostra posizione di leadership è molto importante in questo lavoro. Conduciamo il cavallo negli ostacoli, sia in avanti che all’indietro, lasciamo che

saltare o fermarlo nel mezzo, ma nel farlo, dobbiamo assolutamente mantenere una posizione neutrale. Questa è la cosiddetta posizione alla “Drive Line”, una linea immaginaria al garrese del cavallo, o anche un po’ dietro di essa.

È molto importante non stare troppo in avanti, al collo o alla testa del cavallo. Fa una grande differenza per il cavallo se ci segue quando siamo davanti o se deve decidere da solo di andare nell’ostacolo, e questo succede quando io sto dietro e mando il cavallo in avanti.

È anche molto utile e pratico quando insegniamo al cavallo a camminare all’indietro sopra o attraverso gli ostacoli. Questo gli darà molta fiducia per uscire dal rimorchio senza esitazioni, perché non ha più paura di tornare indietro, anche se i suoi zoccoli dovrebbero toccare qualcosa.

Il trailer è solo un grande giocattolo

Se abbiamo preparato bene il nostro cavallo, il caricamento sul trailer non dovrebbe più essere un problema così grande. Quando cammino con il cavallo verso il trailer per la prima volta, cerco di avvicinarlo con il naso per annusare il trailer e osservo le sue reazioni: è ansioso e vuole solo andarsene o è curioso? Perché la curiosità è il primo passo per superare la paura.

Poi mando il cavallo un paio di volte tra me e il rimorchio, in una specie di strettoia, da un lato all’altro, con la rampa ancora chiusa. Poi apro la rampa e chiedo al cavallo di camminare da un lato all’altro sopra la rampa aperta.

Ho notato che molti cavalli hanno più paura della rampa che del rimorchio stesso. Forse è il rumore quando ci si passa sopra, o l’inclinazione o il colore nero del pavimento in gomma. In questo modo, tuttavia, il cavallo può abituarsi alla rampa senza dover entrare nel trailer.

È molto importante che il cavallo cammini con calma sulla rampa e non salti sopra di essa, perché questo significherebbe che è ancora spaventato ed emotivo. Quando il cavallo ha padroneggiato bene questa prima prova, è giunto il momento di andare al caricamento vero e proprio. Prima di tutto metto me stesso e il cavallo nella giusta posizione; io accanto alla rampa alla fine del trailer e il cavallo proprio di fronte alla rampa.

L'approccio al trailer

il primo approccio al trailer

Dopo la prima importante fase di preparazione porto il cavallo al trailer, la rampa è ancora chiusa, e osservo la sua reazione, sia che si avvicini curioso o che voglia scappare con ansia.

la strettoia tra me e il trailer

Lascio che il cavallo vada avanti e indietro tra me e il rimorchio, come in una strettoia, da un lato all’altro. Questo dovrebbe farlo con calma e al passo, ugualmente bene da entrambe le parti.

attraversare la rampa aperta

Poi faccio lo stesso con la rampa aperta e lascio che il cavallo ci passi sopra da un lato all’altro. Spesso i cavalli sono intimiditi dalla rampa, ma in questo modo possono abituarsi senza dover andare subito nel rimorchio.

Non entrare nel trailer davanti al cavallo

Resta invece vicino alla rampa. Questa è la posizione di partenza a cui ritorneremo sempre. Per me è molto importante per vari motivi non andare nel trailer davanti al cavallo, come si fa normalmente.

Prima di tutto, può essere molto pericoloso trovarsi in questo spazio ristretto con un cavallo che potrebbe spaventarsi. In secondo luogo, perché voglio insegnare al cavallo ad andare nel rimorchio da solo, perché deve trovare il coraggio e decidere di andarci da solo.

Ultimo ma non meno importante, questo modo di caricare mi rende completamente indipendente, perché posso caricare due cavalli contemporaneamente senza aiuto e senza problemi.

Quando porto il cavallo nella sua posizione di partenza davanti alla rampa, è molto importante che io non mi muova, ma che possa mandarlo lì dalla mia posizione. Pensate sempre alla domanda fondamentale nel mondo dei cavalli: chi muove chi? Se riesco a stare a fianco della rampa e a spostare il cavallo nella sua posizione, si fiderà di me e mi rispetterà.

Da questa posizione possiamo ora iniziare a guidare il cavallo in avanti sulla rampa e nel trailer. Guido e punto con pressione sulla corda davanti e appoggio da dietro con il bastone della carota, a cui è attaccato un sacchetto di plastica, in modo che lo stimolo per il cavallo sia un po’ maggiore.

Il rafforzamento positivo è la ricompensa

Ora inizia la vera fase di apprendimento per il cavallo. Ogni volta che il cavallo si dirige verso la parte anteriore della rampa, o più tardi con uno o più zoccoli nel rimorchio, rilascio immediatamente la pressione e lo ricompenso con la comodità. Questo si chiama rinforzo positivo. Più entusiasmo mette il cavallo nell’azione, più a lungo e più estesamente mi prendo la pausa. Questo significa anche che meno il cavallo esercita o addirittura si rifiuta, meno riposo e conforto riceve. Questo è un rinforzo negativo.

Se sono costante in questo approccio, il cavallo si renderà presto conto di essere responsabile del proprio benessere, in altre parole, se cerca di entrare nel rimorchio, si conforta, se cerca di andarsene dal rimorchio, non si conforta.

Qui non uso volutamente la parola “punizione”, perché i cavalli non capiscono la punizione. Il rinforzo negativo è semplicemente quello di chiedere al cavallo di tornare nella parte anteriore della rampa, applicando la pressione in diverse fase. Così come l’acqua corrente trova la via della minor resistenza, anche i cavalli trovano il modo più semplice e confortevole, cioè il comfort.

Quindi se il cavallo si ferma sulla rampa o nel rimorchio dopo un buon tentativo, gli diamo conforto. Se si ferma e non torna indietro da sola, dopo un certo tempo la riportiamo al punto di partenza. Questo è molto importante per il cavallo, perché se sa che può tornare indietro in qualsiasi momento, questo gli dà il coraggio necessario per il prossimo tentativo.

L'apprendimento inizia

la posizione accanto la rampa

Mi metto in posizione vicino alla rampa e mando il cavallo nella sua posizione di partenza davanti alla rampa. Poi lo mando in avanti e lo sostengo da dietro con il Carrot Stick, al quale ho attaccato un sacchetto di plastica per creare più stimoli.

ogni buon tentativo sarà ricompensato

Il cavallo ha fatto qualche passo sulla rampa e lo ricompenso con un rinforzo positivo facendo una pausa. È importante prendersi il proprio tempo e premiare ampiamente il cavallo. Tuttavia, in questo momento non consiglio nessun dolcetto.

dopo ogni tentativo il cavallo viene rimandato indietro

Poi rimando il cavallo nella sua posizione originale dove può rilassarsi e trovare il coraggio di riprovare. In questo modo il cavallo si accorge che può sempre uscire dal trailer.

Non è mai durata più di due giorni

Questa procedura di “mandare avanti, ricompensare, mandare indietro e poi ricominciare da capo” viene ripetuta fino a quando il cavallo da solo non va completamente nel trailer. Qui è importante non perdere coraggio e pazienza. Un bel detto che dico ai miei studenti in questo momento è: “non è mai durato più di due giorni”. In realtà, non mi ci sono mai volute più di due ore per insegnare a un cavallo a salire su un rimorchio in questo modo.

Ovviamente, gioca un ruolo importante nel modo in cui riesco a comunicare con il cavallo. Migliore è il mio tempismo, il mio feeling e più esperienza porto con me, più velocemente il cavallo può capirmi, fidarsi di me e quindi superare questo grande ostacolo, il trailer.

Questa fase di apprendimento può naturalmente anche essere suddivisa in diverse sezioni e completata in alcuni giorni. Il primo giorno, per esempio, il cavallo si abitua a stare semplicemente in piedi sulla rampa con quattro zampe. Il secondo giorno può già mettere due gambe nel rimorchio. Il terzo giorno è a metà strada e il quarto giorno è completamente caricato. Prenditi tutto il tempo di cui ha bisogno ora, così è molto veloce e facile più tardi.

Quando il cavallo è tutto solo nel rimorchio, lo lasciamo riposare un momento, poi lo portiamo fuori e ci allontaniamo dal rimorchio per qualche minuto. In questo modo il cavallo può rilassarsi un po’ e allontaniamo la pressione e l’attenzione dal rimorchio. Non è nostro obiettivo caricare il cavallo e portarlo da qualche parte, ma la nostra intenzione dovrebbe essere quella di insegnargli qualcosa di difficile e renderlo più coraggioso e intelligente… e rafforzare il nostro rapporto.

Caricato mentalmente, emotivamente e fisicamente

Se il cavallo è entrato completamente nel trailer alcune volte e ci è rimasto dentro per 2-3 minuti, significa che ha imparato questo compito mentalmente, emotivamente e fisicamente e non avrà mai più paura del trailer o del caricamento. Spesso accade che molti cavalli siano fisicamente caricati, ma con la testa e il cuore vogliono solo fuggire da questa trappola il più velocemente possibile.

Se però i cavalli sono caricati alla nostra maniera e possono stare nel trailer senza essere legati e con una rampa aperta, allora questo significa che stanno bene nel trailer e sono, per così dire, caricati con cuore e anima. Nell’accademia AsvaNara in Toscana abbiamo un vecchio rimorchio nel “parco giochi”, e spesso si può osservare, come i cavalli lottavano per i posti nel trailer … un’immagine che non si vede spesso.

Dividiamo il compito

Il segreto è ripetere questo processo di “mandare avanti, lasciarlo riposare, rimandarlo indietro, lasciarlo riposare e ricominciare da capo” fino a quando il cavallo è caricato con tutto il suo corpo nel trailer. È importante adattare il riposo al suo impegno, cioè se fa uno sforzo, ottiene più conforto, ma se non fa uno sforzo o addirittura si rifiuta, non riceve alcuna ricompensa. Ricordate che non c’è fretta e che possiamo dividere il lavoro su più giorni. È meglio investire molto tempo ora che più tardi, quando dobbiamo partire.

“Non vogliamo forzare il cavallo nel trailer, ma insegnargli a farlo da solo, con calma e in pace”. È un buon investimento per il futuro del cavallo e non dobbiamo avere fretta.”

1. giorno
2. giorno
3. giorno
4. giorno

Comodità e scomodità

Nel caso in cui il cavallo entri nel trailer ma si fermi lì per qualche secondo e poi spari di nuovo fuori, possiamo ripiegare sul concetto di comodità e scomodità. Lasciamo che il cavallo “lavori” un po’ fuori dal rimorchio e poi gli offriamo di riposare all’interno del trailer. In questo modo il trailer diventa rapidamente un luogo apprezzato e confortevole. Però possiamo usare questo concetto solo quando il cavallo ha già superato la sua paura del trailer ed è entrato da solo più volte.

Attraverso la scomodità all'esterno, il cavallo trova comodità dentro il trailer.

Caricare può essere cosi semplice

... se lo fai in modo naturale

“Il trailer è solo un grande giocattolo, fai in modo che tu e il tuo cavallo possiate divertirvi con esso!”

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e che tu abbia trovato molti consigli e suggerimenti utili. Sentiti libero di lasciare il tuo commento qui sotto.

Se hai domande su questo argomento, contattami e ti risponderò nel forum.

Ti auguro tanto successo, divertimento e gioia con il tuo cavallo… e ricorda, non è mai durato più di due giorni.

Con i più cordiali saluti, Edwin