il mio cavallo ha paura dei fossi

Con AsvaNara puoi risolvere questo problema velocemente!

Può succedere a chiunque che il suo cavallo si rifiuti di attraversare un grande fosso. È una situazione molto spiacevole e imbarazzante, soprattutto quando accade durante un giro con gli amici che sono costretti ad aspettarci.

Questa situazione spesso rende nervosi non solo noi ma anche il cavallo, e di solito la situazione si risolve in modo tale che il cavallo salta il fosso con un salto enorme e noi rischiamo il collo.

Questo non deve per forza accadere, e la chiave per non rimanere di nuovo bloccati in questa situazione nella prossima passeggiata è una buona e corretta preparazione.

Qui all’Accademia AsvaNara diamo molta importanza ad una buona preparazione e insegniamo a tutti i cavalli a camminare con calma, con calma e in sicurezza su ogni tipo di ostacolo.

“Alcuni cavalli hanno paura di attraversare grandi fossati, e a volte finisce in un enorme salto incontrollato, pericoloso per cavalli e cavalieri!”

Passo n°1 - la preparazione a terra

Osserva il comportamento del tuo cavallo

Il lavoro inizia a terra, con una capezza naturale e la corda di 3,7 m, prepariamo il cavallo attraverso vari ostacoli, che verranno poi seguiti in sella.

Si inizia con una serie di piccoli ostacoli, attraverso i quali il cavallo deve camminare. Per esempio, possiamo usare teli di plastica grandi e spessi, o piccoli salti su pali di legno e barili, il maggior numero possibile di ostacoli di vario tipo.

Questo aiuta il cavallo a capire che non deve farsi prendere dal panico quando sente sotto i piedi qualcosa di diverso da quello a cui è abituato. È importante ripetere gli esercizi fino a quando il cavallo si avvicina e li padroneggia con calma e compostezza.

Se osserviamo il comportamento del cavallo durante questo lavoro, possiamo determinare rapidamente quale “lato del cervello” il cavallo sta usando al momento.

Se è nervoso, è costantemente spaventato o corre intorno agli ostacoli, questo significa che sta usando l’emisfero destro, istintivo del cervello.

È quindi importante ripetere questi esercizi fino a quando il cavallo non passa all’emisfero sinistro, razionale, del cervello da solo.

Questo cambiamento è abbastanza facile da osservare, per esempio il cavallo inizia a masticare e a leccarsi le labbra. Abbassa la testa, apre e chiude le palpebre e rilassa i muscoli di tutto il corpo.

Inoltre, durante gli esercizi non corre più intorno, sopra o attraverso gli ostacoli, ma cambia la sua andatura dal trotto al passo. Generalmente diventa più calmo e i suoi movimenti diventano fluidi e armoniosi.

attraversare un telone di plastica
passare attraverso una strettoia
al passo sopra piccoli ostacoli
una strettoia da entrambi i lati

Passo n°2 - la preparazione sul fosso

istinto di sopravvivenza e autoprotezione

Non appena questi primi esercizi sono stati completati con successo, cerco un piccolo fosso senza acqua per continuare a lavorare con il cavallo a terra. Prima mando il cavallo da un lato all’altro e poi lo lascio camminare qualche metro nel fosso, in modo che si abitui al dislivello che ci separa.

All’inizio questa procedura sembra essere un po’ troppo semplificata e poco realistica, ma è ben lungi dall’esserlo. Guardiamo il mondo dal punto di vista del cavallo; se volessimo insegnare a un bambino piccolo a nuotare, non lo getteremmo (si spera) in mare per vedere se sa nuotare, ma lo abitueremmo lentamente all’acqua.

Prima in vasca, poi in piscina, poi magari in un laghetto e solo allora nel grande mare… lo stesso vale per i cavalli, se vogliamo togliergli la paura per sempre.

I cavalli hanno un forte istinto di sopravvivenza e di autoprotezione, quindi devono sentirsi sempre al sicuro e affrontare le sfide a piccoli passi. Solo così, se rimangono nell’emisfero sinistro del cervello, possono effettivamente imparare qualcosa di positivo.

Sebbene l’istinto di sopravvivenza sia assolutamente necessario e utile in natura, può diventare un problema nel nostro mondo civilizzato. Pertanto, è nostra responsabilità aiutare i cavalli a superare le loro paure e insegnare loro ad affrontare con calma e tranquillità tutte le situazioni che sembrano loro sospette, invece di reagire come animali da fuga e fuggire da tutti i pericoli.

Una volta fatto il piccolo fosso, vado in un fosso più grande, se possibile con un po’ d’acqua corrente.

La preparazione sul fosso

Cominciamo ad abituare il cavallo ad un fosso. Prima in un piccolo fosso senza acqua, da un lato all’altro, e poi camminando per qualche metro nel fosso. Poi andiamo in un fosso più grande e ripido, possibilmente con acqua corrente. Qui è importante non camminare davanti al cavallo, ma “mandare” il cavallo.

Con la corda lunga chiediamo il cavallo di attraversare il fosso, le prime volte, di solito, salterà. Ripetiamo l’esercizio dall’altro lato, in modo che il cavallo possa vedere l’ambiente circostante con entrambi gli occhi, e infine il cavallo si calmerà e attraverserà il fosso al passo o al trotto leggero.

prima un piccolo fosso senza acqua
camminare nel fosso
poi un fosso profondo e ripido
le prime volte il cavallo salterà
vedere il fosso da entrambi i lati
dopo di che il cavallo passerà con calma

È importante non avere fretta

A questo punto è molto importante non avere fretta di “andare nel fosso” o, se il cavallo è già nel fosso, di “uscire dall’altra parte”. In questo importante momento diamo al cavallo il tempo necessario per pensare, annusare l’acqua e sentirsi al sicuro.

I cavalli hanno bisogno di questo tempo e della possibilità di adattarsi al terreno e alla situazione, di avvicinarsi quando hanno più fiducia e di ritirarsi quando diventa troppo per loro.

La tecnica dell’avvicinamento e della ritirata è molto efficace per gli animali di fuga e possiamo sostenere i cavalli dando loro spazio e tempo e motivandoli al momento giusto ad affrontare l’ostacolo.

Prendiamoci il tempo che ci vuole, così alla fine ci vuole meno tempo. All’inizio, può darsi che i cavalli si spaventino, saltino in modo incontrollato o facciano altri movimenti frenetici.

Pertanto, è molto importante in questa fase prestare attenzione a dove siamo, a cosa sta facendo il cavallo e non lasciare che ci travolga.

E’ anche importante fargli attraversare il fosso da entrambi i lati. I cavalli hanno un campo visivo laterale ed è importante che possano abituarsi all’ostacolo e all’ambiente circostante con entrambi gli occhi. Potresti scoprire che un lato funziona meglio dell’altro. Continui fino a quando entrambe le parti non funzionano ugualmente bene.

Per questo esercizio di solito uso una corda lunga 7 metri, a seconda delle dimensioni del fosso. In questo modo ho sempre abbastanza margine di manovra e non cado in acqua io stesso.

Ripeto la traversata più volte fino a quando non mi accorgo che il cavallo si avvicina con compostezza, con calma e sicurezza, e non salta più. Solo a questo punto faccio un passo avanti; e cammino attraverso il fosso in sella.

Osservare il comportamento del cavallo

Quando lavori con il cavallo sul fosso per la prima volta, stai attento e osserva il suo comportamento, perché potrebbe spaventarsi e scoppiare in un panico incontrollato. Osserva i segni di rilassamento; un cavallo che prima era nervoso e teso darà chiari segnali quando inizierà a calmarsi e a muoversi verso la sua parte sinistra del cervello. Questi segni possono essere:

  • mastica e si lecca le labbra
  • abbassa la testa e sbatte le palpebre
  • rilassa i muscoli di tutto il corpo
  • va dal trotto al passo
  • si muove con fluidità e facilità
osserva le reazioni
il cavallo sta pensando?
è rilassato al lavoro?

Passo n°3 - attraversare in sella

È responsabilità del cavallo guardare dove mette i piedi

Una volta che ho avuto successo a terra, il passo successivo per attraversare il fosso in sella è ora un “gioco da ragazzi”. Pertanto è importante non affrettarsi con il lavoro da terra, ma prendersi il tempo necessario. Se più avanti in sella ci dovesse essere un problema simile, è sufficiente scendere brevemente, risolvere il problema a terra e poi proseguire.

Lo strumento più importante che abbiamo in sella è il focus. Ciò significa concentrarsi sul punto che vogliamo raggiungere e fare tutto il necessario per arrivarci. Quello che non funziona è guardare dove non vogliamo andare, cioè cadere nel fosso e poi in acqua.

Cavalieri e cavalli hanno delle responsabilità, una delle quali è la responsabilità del cavallo di guardare dove mette i piedi. La responsabilità del cavaliere, invece, è di guardare dove stiamo andando.

Nell’attraversare il fosso tengo le redini con entrambe le mani, ma non troppo corte ma sciolte. Questo è importante in questa fase, perché il cavallo deve avere la possibilità di muovere la testa per vedere dove mette i piedi.

L’occhio del cavallo è costruito in modo tale che deve alzare la testa per guardare in lontananza, ma per vedere qualcosa da vicino deve abbassare la testa in profondità. Spesso i cavalieri lo impediscono tenendo le redini troppo corte, privando il cavallo della possibilità di guardare da vicino l’ostacolo, il fosso o l’acqua in esso contenuta.

Quindi tengo le redini abbastanza a lungo per permettere al cavallo di guardarsi intorno ma abbastanza corto per mantenere la direzione. Anche in questa fase diamo al cavallo tutto il tempo necessario per sentirsi al sicuro. Se il cavallo è con i piedi nel fosso e non è ancora sicuro se vuole attraversarlo, questo è un buon momento per accarezzare e lodare.

Dai al tuo cavallo molto tempo e lodi spesso

Così si abitua a stare in piedi in un fosso o forse anche in acqua, e dopo di che è facile motivare il cavallo con la pressione della coscia a continuare ad andare avanti. Può darsi che le prime volte che salta il fosso con un grande salto. Tuttavia, se guardo con una forte attenzione a dove vogliamo andare, cioè non nel fosso, allora questo dovrebbe accadere abbastanza facilmente.

L’importante è rimanere calmi e rilassati, con un assetto rilassato e uno schienale rotondo, e non tirare le redini o incepparsi con le gambe. Anche se questi sono i nostri riflessi istintivi, si sentono terribili per i cavalli e possono farli diventare claustrofobici, spaventarsi e scappare via.

E’ quindi meglio afferrare il pomello della sella se cavalchiamo in una sella western, o aggrapparsi alla criniera quando siamo in una sella inglese.

La cosa più importante è mantenere il focus, perché in questo modo ci manteniamo naturalmente nella corretta posizione del corpo, sia che si tratti di cavalcare lungo il fosso, di saltare o di risalire l’altro lato.

Forse il cavallo salterà sopra l’acqua nel fosso, quindi dobbiamo essere pronti a fluire con il suo movimento e non ostacolarlo. L’attenzione rimane sempre dove vogliamo andare, questo ci dà anche la giusta posizione del corpo durante la salita.

camminare con calma e focus verso fosso
poi cavalcare dentro il fosso
dare al cavallo il tempo di pensare
poi chiedergli di andare avanti
forse le prime volte salterà
ma presto attraverserà tranquillamente al passo

Una volta è nessuna volta - la magia della ripetizione

Una volta che il cavallo ha attraversato il fosso, ripetiamo l’esercizio un paio di volte, dando sempre al cavallo una breve pausa, e poi motivandolo a continuare. I cavalli imparano con la ripetizione; una volta è nessuna volta, due volte è solo fortuna, tre volte è puro caso, a quattro e cinque il cavallo comincia ad imparare.

Dopo poco tempo noterai come il tuo cavallo si rilassa sempre di più, non salta più sul fosso, ma lo attraversa al passo, magari si ferma in mezzo all’acqua e si chiede: “Di cosa ho sempre avuto tanta paura?”

Risolvere i problemi in questo modo rafforza il rapporto con il cavallo

Il superare insieme tali difficoltà rafforza e consolida il rapporto. Il cavallo guadagna fiducia e rispetto, vede in noi l’animale Alfa di cui ha bisogno per vivere in sicurezza e tranquillità. Gli abbiamo dimostrato che ci prendiamo cura del nostro cavallo e che possiamo superare insieme le situazioni difficili, e che in questi momenti può confidarsi con noi e non gli succede nulla.

Se impari e applichi il metodo AsvaNara, i momenti frustranti e le situazioni difficili con il tuo cavallo saranno presto un ricordo del passato. Ciò che in passato era frustrante diventa ora una sfida e con metodo, gioco e divertimento arriva il successo, perché ogni situazione padroneggiata rafforza e consolida il rapporto con il cavallo.

“È facile … quando lo fai in modo naturale”.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e che tu abbia trovato molti consigli e suggerimenti utili. Sentiti libero di lasciare il tuo commento qui sotto.

Se hai domande su questo argomento, contattami e ti risponderò nel forum.

Ti auguro tanto successo, divertimento e gioia con il tuo cavallo… e ricorda, non è mai durato più di due giorni.

Con i più cordiali saluti, Edwin