aiuto, il mio cavallo sgroppa

Come si può evitare un atterraggio di crash!

Ti è mai capitato di montare un cavallo particolarmente “elettrico”? Non è una grande esperienza, perché è come sedersi su una bomba a orologeria che potrebbe esplodere da un momento all’altro … e forse sei stato messo fuori gioco subito dopo! Questa non è solo una situazione spiacevole, ma può anche essere molto pericolosa.

Ho avuto modo di conoscere alcuni di questi cavalli negli ultimi anni, so esattamente come ci si sente e con questo articolo vorrei raccontarti quello che faccio in queste situazioni e come ho insegnato a questi cavalli a smettere di sgroppare grazie ad AsvaNara.

La gente spesso mi chiede “perché il mio cavallo sgroppa? Escludendo un suo eventuale mal di schiena, da accertare con un controllo veterinario, e i momenti di allegria che spesso i puledri e i giovani cavalli manifestano, ci sono due possibili risposte a questa domanda.

La prima è che il cavallo non vuole avanzare e stufo dell’insistenza del suo cavaliere che continua a spronarlo con i talloni e il frustino, reagisce con una sgroppata per sbarazzarsi del suo “passeggero”.

La seconda è che il cavallo si sente molto carico ed eccitato, “elettrico” possiamo dire che non riesce a rilassarsi con una sella e un cavaliere sulla schiena specialmente se si tratta di un cavallo molto nevrile ed emotivo.

Nel primo caso si tratta di una mancanza di rispetto nei confronti del cavaliere, nel secondo di una mancanza di fiducia. In questo articolo, non descriverò la prima situazione, perché la soluzione è ovvia … ma cosa posso fare se il mio cavallo sgroppa per paura.

Alcuni cavalli sgroppano perché non vogliono andare avanti e quindi reagiscono al cavaliere, che li "sprona" costantemente.

“Osserva il tuo cavallo e scopri se sgroppa per mancanza di fiducia, cioè per paura, o per mancanza di rispetto o di volontà … o entrambe le cose”.

Sgroppa per mancanza di fiducia o per mancanza di rispetto?

Alcuni cavalli hanno imparato a combinare le due cose e per abitudine, ogni volta che non hanno voglia di fare qualcosa o hanno paura, sgroppano. Ricordiamoci, però, che i cavalli sono animali da fuga ed è una strategia di sopravvivenza istintiva per loro proteggere se stessi dai predatori e dall’uomo, per natura un predatore.

Se un cavallo non può scappare e si sente intrappolato, di solito reagisce sgroppando e impennandosi. Queste reazioni possono essere pericolose sia per il cavallo che per noi, quindi per il momento è importante che non ci comportiamo verso il cavallo come predatori, ma impariamo a capire la natura dei cavalli.

Per raggiungere questo obiettivo, un vero CavalloUomo stabilirà un legame con il cavallo prima di cavalcare e creerà un rapporto di fiducia e di rispetto attraverso la comunicazione. È molto più facile, più sicuro e più veloce farlo a terra per il momento e non subito sulla schiena del cavallo, perché a terra può vedermi e osservarmi e non si sente intrappolato tra le mie gambe e le mie braccia come quando cavalco.

Osserva il tuo cavallo e scopri come si sente

Uno dei più grandi doni di un vero HorseMan è quello di poter osservare i cavalli e capire cosa sta per accadere prima che accada. Per esempio, le orecchie del cavallo sono un buon segnale per determinare ciò che il cavallo pensa e sente, e il suo corpo ci dice se è rilassato o nervoso e teso.

È importante non ignorare questi segnali, ma ascoltarli, perché è il modo più diretto per comunicare con il cavallo e comprenderne i pensieri e i sentimenti. Il linguaggio del corpo è, per così dire, l’autostrada verso la sua anima.

Quando il cavallo diventa nervoso, ansioso o teso all’interno, di solito è molto utile fare semplicemente un passo indietro, ritirarsi, allentare la pressione, aspettare che il cavallo si rilassi e poi ricominciare. Questa tattica funziona per la maggior parte dei cavalli, solo poche eccezioni hanno bisogno di un approccio diverso.

“Uso la regola dei 60 secondi … se non riesco a risolvere un problema in sella in un minuto, allora scendo e lo risolvo da terra, questo è più efficiente e più sicuro per cavalli e cavalieri!”

Osserva sempre i segnali che il tuo cavallo ti manda, è il suo linguaggio del corpo che ti indica il suo stato d'animo

Quando sono in sella e sento che il cavallo non si calma e non riesco a controllare la situazione in 60 secondi, allora scendo. Nelle situazioni difficili non aspetto nemmeno 60 secondi, ma scendo subito, perché non sono mai caduto se sono già a terra, ma solo se sono stato troppo a lungo in sella in una situazione difficile.

A terra possiamo risolvere le situazioni difficili in modo molto più facile ed efficiente che in sella, soprattutto perché il cavallo mi vede meglio ora e non gli sto appiccicato alla schiena come una pantera.

Bella, la cavalla Quarter Horse di 11 anni

In questo articolo descrivo il lavoro che ho fatto con Bella, una cavalla Quarter Horse di 11 anni. La proprietaria l’ha avuta per 4 anni ed era già caduta diverse volte e anche ferita. Bella era già stata in addestramento con diversi allenatori, ma nessuno era riuscito a toglierle le sue paure e a svezzarla dalla reazione delle sgroppate, anzi, è solo peggiorata.

Stanca e affaticata perché non poteva più montare il suo cavallo, la proprietaria ha finalmente deciso di portare Bella ad AsvaNara come ultima speranza. Con pazienza e metodologia ho iniziato a lavorare con lei, passo dopo passo, e dopo qualche settimana sono riuscito a cavalcare Bella senza grossi problemi. Dopo altri due mesi la proprietaria poteva finalmente divertirsi e godersi di nuovo il suo cavallo e cavalcare insieme in pace e sicurezza.

Ora diamo un’occhiata a come ho lavorato con Bella e a come lavoro anche con altri cavalli quando reagiscono con sgroppate per paura e insicurezza.

Molti cavalli sono incompresi dai loro cavalieri e sviluppano un comportamento disturbato per proteggersi, per paura e insicurezza della punizione

1° fase - il lavoro a terra

Desensibilizzazione

I cavalli molto sensibili e pieni di ardore, soprattutto le femmine, spesso si mettono sulla difensiva quando qualcosa li tocca sulla pancia, sui fianchi o dietro i posteriori. Quindi, la prima cosa che il cavallo deve imparare è che non soffrirà se viene toccato in queste zone e che può fidarsi di noi.

All’inizio uso il Carrot Stick con un sacchetto di plastica per toccare il cavallo su tutto il corpo. Con il bastone posso mantenere una distanza di sicurezza e non rischio di essere morso o preso a calci.

Quando il cavallo avrà accettato questo tocco e potrà rimanere calmo e rilassato, allora toccherò il cavallo con la mano su tutto il suo corpo e poi con altri oggetti come la corda o il lazo. All’inizio lentamente e delicatamente, ma poi anche con più velocità e ritmo per desensibilizzare il cavallo davvero su tutto il corpo.

Desensibilizzazione in movimento

Una volta desensibilizzato il cavallo da fermo, vorrei fare lo stesso in movimento, in tutte le andature. Mando quindi il cavallo in cerchio, prima al passo, poi anche al trotto e al galoppo, e lo desensibilizzo da entrambi i lati. Per fare questo, attacco il mio lazo a una staffa e lo muovo avanti e indietro, su e giù, e lo lascio anche battere un po’ i fianchi per verificare se il cavallo è disturbato da questi movimenti ritmici e scappa via, o se può tollerarlo in modo rilassato.

Se il cavallo si spaventa, scappa via o si mette a correre, è importante non fermare i movimenti ma continuare fino a quando il cavallo non si calma di nuovo. Solo così impara a non scappare da tutti i rumori e i movimenti come un animale da fuga, ma a usare la parte sinistra del cervello per rimanere calmo e superare la situazione.

I cavalli imparano attraverso la ripetizione e il rafforzamento positivo, quindi è importante interrompere la stimolazione al momento giusto.

Con il lazo intorno al posteriore

Ora faccio lo stesso esercizio di prima, ma lego il lazo alla staffa opposta e lo lascio penzolare intorno alle gambe posteriori, sopra l’articolazione della caviglia. Questo è un modo molto buono ed efficace per desensibilizzare il cavallo, ma richiede un po’ di esperienza e di feeling da parte nostra. Il cavallo può facilmente impigliarsi nel lazo e quindi abbiamo creato una situazione che può facilmente andare fuori controllo.

Il lazo non deve essere teso, ma deve essere leggero e sciolto sulle cosce posteriori. Lo muovo avanti e indietro con ritmo e aspetto che il cavallo non ne sia più spaventato, ma rimanga rilassato e tranquillo nell’andatura. Questo esercizio aiuta il cavallo a rimanere calmo, anche se un oggetto gli tocca sui posteriori.

Desensibilizzazione – comincio desensibilizzando il cavallo su tutto il corpo e lo tocco con il bastone della carota e un sacchetto di plastica, poi con le mani, la corda e il lazo. Posso estendere questo lavoro con teli di plastica, ombrello, palline, palloncini ecc. posso insegnare al cavallo a non scappare dagli oggetti.

Desensibilizzazione in movimento – ora lego il lazo alla staffa e mando il cavallo in un grande cerchio, prima al passo e poi al trotto e al galoppo. Mentre il cavallo si muove, faccio oscillare il lazo avanti e indietro, su e giù, in modo che la staffa colpisca ritmicamente il fianco del cavallo e lo stimoli a scappare o a sgroppare.

Con il lazo sulle gambe posteriori – poi attacco il lazo alla staffa opposta e lo lascio penzolare sulle gambe posteriori. Non c’è pressione sul lazo, lo sposto solo leggermente avanti e indietro, tiro e rilascio. In questo modo il cavallo impara a non spaventarsi quando viene toccato sulle cosce posteriori e sui fianchi.

2° Fase - il lavoro in sella

La flessione laterale

Quando il lavoro a terra dà i suoi frutti e il cavallo non si fa più prendere dal panico non appena viene toccato da qualcosa di sconosciuto, è giunto il momento di salire in sella. All’inizio preferisco un spazio piccolo come un paddock o un round pen. Qualunque cosa accada, in un piccolo spazio è più facile riprendere il controllo.

Per prima cosa controllo la flessione laterale, perché questo è il modo migliore per fermare e controllare un cavallo quando inizia a sgroppare. Lo insegno al cavallo prima in piedi, poi al passo e poi anche al trotto e al galoppo. Solo quando la flessione laterale è leggera e senza sforzo ho la capacità di controllare il cavallo in caso di emergenza e di riportarlo sul lato sinistro del cervello.

La redine indiretta

Poi chiedo al cavallo da fermo di muovere il posteriore e di disimpegnare. Questo mi dà l’opportunità di controllare il cavallo immediatamente quando diventa emotivo e dovrebbe andare nella parte destra del cervello.

Il posteriore è la parte più potente del cavallo, per così dire il motore e la trasmissione, e quando il cavallo sgroppa o si impenna, utilizza principalmente la potenza del posteriore per questo scopo. Tuttavia, se riesco a disimpegnare le gambe posteriori, tolgo la forza ai posteriori e il cavallo non può più né sgroppare né impegnarsi.

Il segreto del controllo sta nei posteriori e non nell’imboccatura, come crede la maggior parte dei cavalieri! Spesso i cavalieri tirano strette entrambe le redini quando si trovano nei guai, ma questo dà solo più potenza ed energia ai posteriori. D’altra parte, la flessione laterale e la redine indiretta aiutano il cavallo a calmarsi e a rilassarsi, non solo fisicamente ma anche mentalmente ed emotivamente.

Al passo

Poi mando il cavallo al passo; è una buona abitudine di chiedere il cavallo con la pressione costante delle gambe ed evitare di dargli “tallonate” o speronate. Molti cavalli, infatti, si innervosiscono solo perché il loro cavaliere continua a pungolarli con i talloni. Se lui non avanzasse allora possiamo aggiungere una pressione ritmica con la mano sulla sua groppa.

Se poi ho l’impressione che il cavallo possa sgroppare da un momento all’altro, mi aggrappo al pomo della sella o alla criniera. Non attacchiamoci mai alle redini, perché se sgroppasse tirerebbe immediatamente giù la testa sbalzandoci via dalla sella prima che ce ne accorgiamo.

Aggrapparmi al pomello della sella con una mano mi dà una sensazione di sicurezza a cavallo e provoca un assetto rilassato. Non c’è vergogna nel tenere il cavallo o la sella, perché non c’è niente di peggio che stare seduti stretti e rigidi su un cavallo sensibile, che non fa altro che aumentare l’insicurezza del cavallo, è come versare benzina nel fuoco.

Al trotto

All’inizio mi comporto come un passeggero in sella. Questo significa che non guido il cavallo, ma che mi porti dove vuole trottare, l’importante è che rimanga al trotto, che non si fermi, che cammini o che vada al galoppo. Cavalco con le redini lunghe e rilassate e, a seconda del cavallo, battendo la sella o eventualmente anche in piedi nelle staffe.

Molti cavalieri hanno grandi difficoltà con questo esercizio perché sono abituati a controllare ogni passo e ogni piccolo movimento del loro cavallo e hanno paura di lasciar andare questo controllo.

È proprio attraverso un tale esercizio che il cavallo trova il suo equilibrio mentale ed emotivo, perché ora è lui stesso responsabile del mantenimento dell’andatura e della scelta della direzione in cui vuole andare. Questo gli dà più fiducia in se stesso e sicurezza … e in definitiva anche a noi.

Se possiamo trottare il cavallo con calma in un posto piccolo, come un round pen o un paddock, allora il passo successivo è quello di andare in un posto più grande. Un maneggio coperto, un maneggio all’aperto o un pascolo sono adatti a questo scopo. È importante fare un passo alla volta e non essere impazienti di prendere una scorciatoia.

Ad ogni ripetizione il cavallo troverà più fiducia in se stesso, nel cavaliere e nell’ambiente circostante e non correrà più e non sgropperà più come prima con ogni piccola incertezza. Questo rende l’equitazione di nuovo sicura e divertente, sia per il cavaliere che per il cavallo.

“Non dimenticare quanto sia importante passare semplicemente del tempo con il tuo cavallo – CavalloTime – momenti di amicizia senza pretese.”

1. Flessione laterale – con una redine chiedo al mio cavallo di flettersi lateralmente, prima da fermo e poi anche al passo. Questo è il modo più efficace per controllare e fermare il cavallo quando vuole correre e sgroppare.

2. Redine indiretta – dopodiché chiedo al cavallo a disimpegnare le gambe e di rilassare il posteriore. Questo mi dà più controllo e il cavallo si rilassa non solo fisicamente ma anche mentalmente ed emotivamente

3. al passo – ora mando il cavallo con una pressione costante delle gambe al passo. Non do mai calci ai miei cavalli per camminare, perché non solo è maleducato, ma li disturba, soprattutto i cavalli sensibili

4. al trotto – tengo le redini lunghe e rilassate, e lo lascio trottare dove vuole, come se fossi solo un passeggero. In questo modo il cavallo trova il suo equilibrio nel movimento e costruisce fiducia in se stesso e maggiore sicurezza

HorseManShip risolve tanti problemi

… quando lo fai in modo naturale!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e che tu abbia trovato molti consigli e suggerimenti utili. Sentiti libero di lasciare il tuo commento qui sotto.

Se hai domande su questo argomento, contattami e ti risponderò nel forum.

Ti auguro tanto successo, divertimento e gioia con il tuo cavallo… e ricorda, non è mai durato più di due giorni.

Con i più cordiali saluti, Edwin